A A A

Ulcinj

Dai un voto >

Benvenuti nella bellezza selvaggia

I più bei colori del tramonto... su di un letto di sabbia,nell'estuario del fiume Bojana, scoprite voi stessi a pieno contatto con la natura. In questo paradiso terrestre dalle lunghe spiagge di sabbia lasciate le vostre impronte sulla sabbia sottile. Cielo e mare azzurri, i canneti, le casette in legno ed alcuni ristoranti galleggianti in stile Robinson Crusoe... Lasciatevi accarezzare dal sole ed ascoltate il silenzio che solo il rumore delle onde ogni tanto interrompe.

Oltre che dalla natura, sarete anche conquistati dalle storie dell'antica città di Ulcinj, le cui fondamenta sono state gettate dai Greci, le fortezze costruite da Romani, Veneziani, Turchi... La piazza degli schiavi che ricorda i tempi in cui qui i pirati vendevano i loro prigionieri. E tra di essi ci fu anche il famoso autore del „Don Chiscotte“, Miguel de Servantes, che rimase ad Ulcinj per cinque anni, e dopo il suo ritorno in Spagna scrisse la sua famosa opera.
A guidarvi è lo spirito dell'Oriente mentre, lungo le ripide e tortuose strade, lastricate di pietre lavorate, affiancate da case in stile turco antico, da negozietti di souvenir e da molteplici barbieri risuona la voce del muftì.

Ed, infine, non dimenticatevi di gettare una monetina nel «turbe», pozzo che custodisce la memoria di un antico triangolo amoroso e del conseguente duello all'ultimo sangue tra due giovani. Ma state attenti a cosa chiedete: dicono che si avveri!

La città vecchia, come una nave stabilmente ancorata, ci parla di antiche tradizioni e culture. Lotta contro le onde e custodisce il segreto dei venti che, instancabili, arricchiscono l’anima di nuove emozioni e di felicità! E' sopravissuta a tante guerre e a tanti predoni che vi sono passati, e dopo così tanti anni è riuscita a preservare quell'antico spirito e antiche tradizioni.